Alternanza Scuola-Lavoro nell’istituto tecnico Acerbo - Festa in occasione dell’anniversario dell’Istituto Tecnico Tito Acerbo di Pescara
 
Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Tito Acerbo su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Alternanza Scuola-Lavoro nell’istituto tecnico Acerbo

Festa in occasione dell’anniversario dell’Istituto Tecnico Tito Acerbo di Pescara

Sabato 20 gennaio 2018, si è svolto uno speciale open day in occasione del novantacinquesimo anniversario dell’Istituto tecnico “Tito Acerbo” di Pescara, durante il quale sono stati presentati i laboratori e i progetti messi a punto dagli studenti e dai docenti dell’istituto. Uno di questi laboratori era dedicato all’Alternanza Scuola-Lavoro, che con la legge di riforma n°107/15 è divenuta obbligatoria per tutti gli alunni del triennio delle scuole secondarie di secondo grado. Il laboratorio era gestito dalle professoresse dell’Istituto Quintili e De Ninis, che hanno spiegato ai genitori e ai ragazzi presenti cos’è l’alternanza . E’ a loro che sono state rivolte due domande chiave di questa che, se ben organizzata, è un’occasione per dare concretezza e per aggiungere qualità a ogni percorso formativo.

L’alternanza è obbligatoria dal 2015, in che modo può essere utile ai ragazzi?

La prof.ssa Quintili: "L’alternanza è una modalità di fare scuola e non deve essere intesa come un vincolo normativo. Deve essere intesa come un’occasione di lavoro."

Alla stessa domanda la Prof.ssa De Ninis ha risposto: “L’alternanza serve a far fare ai ragazzi delle esperienze che siano coerenti col percorso formativo, e tutto ciò è possibile nell’Istituto Tecnico Acerbo anche grazie alla presenza dell’ufficio placement”.

Quali sono gli eventuali aspetti negativi dell’Alternanza?

La prof.ssa Quintili: “Se non si svolge un’attività di tutoraggio significativa nei confronti dei ragazzi, si possono creare delle criticità che vanno a danno del ragazzo, il quale si vedrebbe catapultato in un ambiente risultato a lui sconosciuto”.

Sicuramente la Prof.ssa Quintili ha ragione: un tutoraggio significativo è il nodo centrale dell’esperienza, perché le dà senso in quanto fornisce all’alunno le coordinate per orientarsi in questo nuovo mondo, permettendogli di muoversi, capire e scegliere in maniera consapevole.

di Enrico Di Campli


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi