Le donne dicono BASTA! - Polizia di Stato al Tito Acerbo contro la violenza sulle donne
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Tito Acerbo su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Le donne dicono BASTA!

    Polizia di Stato al Tito Acerbo contro la violenza sulle donne

    Il 24 Novembre 2018, nell’aula magna dell’Istituto Tecnico Statale “Tito Acerbo”, ha avuto luogo una conferenza tenuta dalla Polizia di Stato, portavoce del progetto “Camper Rosa”. In realtà il loro camper non è rosa, ma hanno voluto chiamarlo così perché è il simbolo della lotta alla violenza sulle donne. Questo camper gira per le piazze d’Italia, e funge come centro di ascolto e informazione, e magari convince alcune donne a denunciare, perchè molte di loro non lo fanno per paura.

    L’ispettrice che era lì a parlarci, ci ha ricordato che tutti possiamo fare qualcosa davanti alla violenza e che non bisogna mai sottovalutare il problema, perché da un fatto stupido si può giungere ad qualcosa di molto più grave, questo fenomeno è chiamato dalla polizia “escalation di violenza”. Poi ci ha spiegato che non bisogna fermarsi solo alla violenza fisica sulle donne, ma bisogna combattere ogni tipo di violenza, anche la violenza psicologica. Questo incontro è stato interessante perché la polizia è uscita dagli uffici ed è entrata nelle scuole per sensibilizzare e informare noi ragazzi su questa orribile macchia della nostra società. Inoltre l'ispettrice ci ha fornito un dato molto allarmante: a Pescara il 40% dei casi che la polizia affronta sono liti familiari, che potrebbero, e a volte sono, degenerati in violenza fisica. Molte sono le violenze che si consumano ogni giorno, magari proprio nella porta accanto alla nostra. Bisogna intervenire!

    Per concludere lascio un estratto di un monologo di Luciana Littizzetto sulla Violenza sulle donne, che sia per tutti uno spunto di riflessione su questo tema:

    In Italia, in media ogni due o tre giorni un uomo uccide una donna, una compagna, una figlia, un’amante, una sorella, una ex.

    Magari in famiglia, perché non è che la famiglia sia sempre, per forza, quel luogo magico in cui tutto è amore.

    La uccide perché la considera una sua proprietà, perché non concepisce che una donna appartenga a se stessa, e sia libera di vivere come vuole lei e persino di innamorarsi di un altro.

    E noi che siamo ingenue, spesso, scambiamo tutto per amore.

    Ma l’amore, con la violenza e le botte non c’entrano un tubo.

    L’amore, con gli schiaffi e i pugni c’entra come la libertà con la prigione.

    Noi, a Torino, che risentiamo della nobiltà reale diciamo che è come passare dal risotto alla merda.

    Un uomo che ci mena non ci ama, mettiamocelo in testa, salviamolo nell’hard disk.

    Vogliamo credere che ci ami, bene, allora ci ama male.

    Non è questo l’amore.

    Un uomo che ci picchia è uno stronzo, sempre, e dobbiamo capirlo subito, al primo schiaffo, perché tanto arriverà anche un secondo, e un terzo, e un quarto.

    L’amore rende felici e riempie il cuore, non rompe le costole, non lascia lividi sulla faccia.

    Pensiamo mica di avere sette vite come i gatti. No, ne abbiamo una sola.

    Non buttiamola via.

     

     

     

    di Ester Aureliano


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi