Greta Thunberg: School Striking for a Safe Climate Future - Greta Thunberg e la lotta al cambiamento climatico per un futuro migliore.
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Tito Acerbo su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Greta Thunberg: School Striking for a Safe Climate Future

    Greta Thunberg e la lotta al cambiamento climatico per un futuro migliore.

    greta thunberg al world economic forum 

    “La prima volta che ho sentito parlare del riscaldamento globale, ho pensato: non può essere, non può essere qualcosa di così grave da minacciare veramente la nostra esistenza.

    Perché, se fosse così, non si parlerebbe d’altro. Appena si dovesse accendere la tv, tutto ruoterebbe intorno a questo. Tutte le notizie, per radio e sui giornali. Non si leggerebbe o sentirebbe altro.

    Come se stesse infuriando una guerra mondiale.

    Invece, nessuno ne parla…”

    -Greta Thunberg

     

    Innanzitutto chi è Greta Thunberg?

    Greta è un’ attivista svedese di soli 16 anni che combatte contro il cambiamento climatico e appoggia lo sviluppo sostenibile per la salvaguardia del pianeta.

    Circa due anni fa sembrava che le emissioni globali di C02  si fossero stabilizzate e che avessero persino toccato il loro picco, facendo sperare a molti che il mondo avesse finalmente iniziato il lungo cammino verso la liberazione dall' energia basata su fonti inquinanti.

    Malgrado ciò, nel corso del decennio passato, nonostante l'incremento delle fonti rinnovabili sia stato straordinario, il consumo di petrolio, gas e persino carbone ha avuto una crescita tale da oscurare i vantaggi portati dalle energie rinnovabili. Oltre a ciò che è stato appena detto, i governi continuano a non prendere provvedimenti efficaci quanto necessari come, ad esempio, il presidente Trump che ha deciso di ritirare gli USA dall’accordo di Parigi sul clima.

    Tra l’altro, il comportamento dei governi non fa che confermare un’affermazione di Hugo Chavez “Se il clima fosse una banca, i paesi ricchi l’avrebbero già salvato.”

    Dal momento in cui le emissioni di C02 nell’anno 2018 sono arrivate a 41,5 miliardi di tonnellate , e i governi continuino a non prendere provvedimenti efficaci e insistano nell’ ignorare il problema, l’attivista Greta ha iniziato a organizzare da mesi proteste contro i cambiamenti climatici che , continuano a peggiorare.

    Nel settembre 2018, si fece notare per la prima volta in tutto il mondo, grazie all'iniziativa che aveva intrapreso dopo l'ultima torrida estate svedese, simbolo evidente dei disagi climatici in corso.

    Greta aveva iniziato uno sciopero, rifiutandosi di andare a scuola una volta a settimana per spingere il governo Svedese a fare qualcosa. Seduta davanti al Parlamento di Stoccolma con un cartellone in mano con su scritto “skolstrejk for klimatet ”, sciopero scolastico per il clima, ha mandato un segnale forte a tutti spiegando perchè ha iniziato la sua protesta: “lo sto facendo perché nessun altro lo fa. Mi sento moralmente responsabile e devo farlo per il mio futuro". A poco a poco nel mondo molte persone si sono sentite motivate e morealmente responsabili a partecipare a proteste come queste immortalandole in fotografie da tutte le città europee che , Greta condivide sui social.

    Greta Thunberg è salita sul palco della COP24 - la Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, a Katowice Polonia - lasciando il segno di fronte ai leader mondiali che parteciparono all'evento. Alla conferenza puntò il dito contro l'indifferenza dei potenti riguardo i danni climatici e le disuguaglianze sociali nel mondo. ''Sono le sofferenze di molti a pagare per il lusso di pochi - ha detto Greta - quando nel 2078 festeggerò i miei 75 anni i miei figli mi chiederanno perché non abbiamo agito quando ancora potevamo farlo”. Continua dichiarando: ''Lo faccio perché gli adulti stanno sgretolando il nostro futuro''.

    In ottobre ha parlato a una folla di diecimila persone, durante una protesta ad Helsinki: ''Invece di preoccuparci del nostro futuro dovremmo pensare a cambiarlo, finchè siamo in tempo”.

    Greta Thunberg è riuscita ad arrivare al cuore di così tante persone, ciò significa che è forte la preoccupazione per le sorti della Terra e cresce l’indignazione per la mancata presa di posizione da parte dei leader politici.

    Il prossimo passo sarà quello di partecipare alla Marcia Globale a favore del clima prevista per il 15 marzo 2019. Greta ha organizzato questa importante manifestazione, questa volta, a livello mondiale invitando tutti a partecipare scioperando nelle piazze delle loro città includendo le loro scuole. Hanno già aderito all’iniziativa ben 40 Paesi al mondo. Di questi 40 paesi la maggior parte dei partecipanti è costituita da scuole che, attraverso vari siti e social, sta segnando la storia con il nome della loro città o del loro istituto, dichiarandola favorevole all’evento. Da ciò si deduce il motivo del nome “School Strike”: la protesta parte dai giovani e prosegue con i giovani. Ma questo è solo l’inizio. Non ci resta che partecipare, diffondere e sensibilizzare a questo grave problema. Facciamolo per noi, per il nostro futuro.

    Greta rilancia il suo messaggio motivando la protesta  : Non posso votare, quindi questo è un modo per far sentire la mia voce”.

    -Persico Simona.

     

    di Simona Persico


    Parole chiave:

    cambiamenti climatici , clima

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi