FRIDAY FOR FUTURE a Pescara - Uniti per il clima
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Tito Acerbo su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    FRIDAY FOR FUTURE a Pescara

    Uniti per il clima

    15 Marzo 2019. “Dite di amare i vostri figli sopra ogni cosa ma gli state rubando il futuro proprio davanti ai loro occhi. Finché non vi concentrerete su cosa deve essere fatto anziché su cosa sia politicamente meglio fare, non c’è alcuna speranza. … Noi siamo qui per farvi sapere che il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no. Il vero potere appartiene al popolo. Grazie.” Queste le parole di una ragazzina svedese dell’età di 15 anni, Greta Thunberg, che è diventata famosa in tutto il mondo perché da agosto dello scorso anno ogni venerdì si recava di fronte al Parlamento svedese con l’intenzione di scuotere le autorità sulla situazione del clima. Greta ritiene che gli adulti siano i responsabili del nostro destino e lo stanno facendo “sputando sul nostro futuro”.

    #fridayforfuture è un’iniziativa a livello internazionale, una richiesta a tutti i governi di impegnarsi di più contro il cambiamento climatico. La manifestazione, diventata virale su molti social, ormai coinvolge molti gruppi di studenti, di giovani, molte scuole in diversi paesi del mondo e si sta diffondendo anche in molte città italiane per richiamare l’attenzione di tutti ad impegnarsi di più nell’evitare la catastrofe.

    In occasione del Friday for future, il 15 marzo a scuola è stata fatta una dimostrazione per aderire alla lotta contro il cambiamento climatico. In Piazza della Rinascita era prevista un'iniziativa alla quale hanno aderito diverse classi dell'Acerbo. Nel cortile della scuola altri studenti si sono riuniti per mostrare i loro cartelloni: si sono scambiati idee e riflessioni e la consapevolezza e la soddisfazione di fare qualcosa di importante si leggeva nei loro sguardi, nella loro eccitazione. Hanno espresso così i loro pareri sulla prevenzione al cambiamento climatico. Alcuni ragazzi della 2B cat, si sono occupati di creare un cartellone; noi ci siamo incuriositi e ci siamo documentati su ciò che le altre classi stavano facendo registrando quanto ci veniva spiegato. Ecco alcune frasi: -Non deve cambiare il clima ma devono cambiare le nostre abitudini. 1E afm -No ai cambiamenti climatici. Filippo, 2B afm -Ci avete rotto i polmoni. Alessandro e M., 1D afm -There is no planet B. Clara, 1E tur -Il problema non è l'energia nucleare ma il cuore dell'uomo. Francesco e Giorgio, 2B cat MA COSA FARE PER EVITARE DI FAR AMMALARE ANCOR DI PIÙ IL NOSTRO PIANETA? Certo non solo parlare perché nel frattempo la natura reagisce. Dobbiamo avere la capacità di proteggerlo questo nostro mondo con diverse misure. In primis siamo tutti d’accordo nel dover cambiare le nostre abitudini cercando, per esempio, di utilizzare il meno possibile la plastica, lasciare i combustibili fossili sotto terra. E tanto, tanto altro ancora … Non dobbiamo lasciare che per gli interessi dei potenti la nostra Terra venga consumata. BASTA METTERE PRIMA I SOLDI CHE LA SALUTE!! Poi abbiamo riflettuto e commentato. Fridays for future ha un rilievo molto più ampio dei gruppi di giovani che protestano, in quanto i ritardi delle decisioni da parte dei governi sono Quello che noi giovani pensiamo è che non bastano le iniziative politiche e le relative ricerche e studi scientifici per supportare l’ambiente. Serve invece il coinvolgimento di tutti gli abitanti del pianeta, per rafforzare questa azione di salvataggio bisogna partire proprio dai giovani, che sono più sensibili e più interessati al futuro, e dalle loro famiglie in cui deve essere rafforzato il concetto del rispetto dell’ambiente allo stesso modo del rispetto per il prossimo mettendo ciò alla base dell’educazione. Noi ragazzi abbiamo sostenuto che ormai i potenti devono ascoltare la nostra voce, bisogna trovare soluzioni che, come dice Greta, se non ci sono sulla Terra bisognerà trovarle altrove, nello spazio ad esempio. LA VOCE DEL POPOLO VA SEMPRE ASCOLTATA!! RIFLETTIAMO NON C’E’ UN PIANETA B! NON ESISTE UN’ALTRA BIOSFERA, UN ALTRO CIELO, UN ALTRO TEMPO! Ci vorrà del tempo prima che si vedano risultati apprezzabili, ma pian piano si migliorerà. Basta solamente metterci la buona volontà, da parte di tutti.

    Michele Anagni-Andrea Mancini-Francesco Vadini [2B cat]


    Parole chiave:

    Redazione Acerbo

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi